Braccia incrociate nella Comunicazione Non Verbale

Incrociare le braccia è un gesto che può avere diversi significati, anche contrastanti. Quali sono? Come possono essere interpretati dalla Comunicazione Non Verbale?

Innanzitutto è utile verificare la posizione del bacino, se è spostato in avanti è probabile che sia una posizione di relax, infatti il bacino in avanti fa da appoggio per le braccia incrociate scaricandone il peso. Con le braccia incrociate per il freddo, invece, le mani vanno spesso a finire sotto le ascelle per scaldarsi.

Incrociare le braccia può essere un segnale di barriera quando il bacino non è spostato in avanti e la postura del corpo è rigida. Incrociare le braccia col busto o la testa spostati all'indietro segnala una chiusura ancora più forte, quasi un accenno di fuga.

braccia-incrociate
Incrociare le braccia con le gambe larghe e il mento in alto indica aggressività; le braccia proteggono il busto da uno scontro, le gambe comunicano fermezza e il mento superiorità.

Si possono incrociare le braccia anche per concentrarsi e riflettere meglio, il corpo si “chiude” per minimizzare le distrazioni presenti nell'ambiente, altri gesti come stringere gli occhi e guardare in basso rinforzano tale postura che aiuta la concentrazione.

Alcuni studi statunitensi hanno inoltre evidenzato che incrociare le braccia rende meno credibili agli occhi altrui, inoltre compromette la propria capacità di ascolto e aumenta il pensieri negativi nei confronti dell’interlocutore, attenzione quindi a non incrociare le braccia in momenti poco opportuni!

Francesco Di Fant
Tagged , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *