Come dimostrarsi più curiosi sul lavoro

Sempre di più le aziende hanno bisogno di persone flessibili, in grado di adattarsi ad imparare cose sempre nuove: il mondo del lavoro è una realtà in continua evoluzione, i lavori che esisteranno tra 10 anni, al giorno d’oggi non sono ancora stati concepiti. Serve essere fluidi e adattarsi ai cambiamenti, serve essere curiosi.
La curiosità può renderci più spendibili sul lavoro, dal momento che fornisce gli strumenti per adattarsi meglio ai cambiamenti, senza soccombere ad essi.
Ecco alcuni consigli per incrementare la propria curiosità

    • Domande fantasiose
      Le domande, a volte, contano più delle risposte. Sul lavoro veniamo il più delle volte valutati per le domande che poniamo: troppe domande rischiano di farci passare come persone confusionarie che non hanno una visione chiara del proprio compito, ma nessuna domanda rischia di farci sembrare disinteressati. Generalmente è sempre meglio formulare domande a risposta aperta, come "Perché consideri X importante?", in modo da dare importanza agli interessi e alle priorità delle persone con cui ci relazioniamo: in questo modo sarà più facile formulare domande sulle cose che coinvolgono maggiormente gli altri.

      adult_art_artist_camera_checking_computer_computer_graphic_connection-1280716.jpg!d

    • Parlare di sé
      Alcune persone sono più curiose di altre, ma tutti sono curiosi circa qualcosa, e i nostri hobby sono un forte indicatore della nostra curiosità e, inoltre, siamo più propensi a sviluppare abilità utili quando siamo siamo particolarmente dediti e appassionati di qualcosa. Ma meno ovvio è come, quando e se parlare con i nostri collaboratori di passioni che possono sembrare attività collaterali non correlate con il nostro impiego. Che si tratti di cucina, sport, musica, scienza o viaggi, parlare delle cose che amiamo può aiutarci a tracciare collegamenti tra quelle attività e aspetti del ruolo che lavoro richiede. Inoltre, sarà più facile in questo modo farci conoscere meglio dalle persone che ci circondano.

    • Pensare e poi rispondere
      La curiosità è qualcosa di comunicabile e osservabile, per questo è importante saperla esprimere al meglio. Per fare ciò è bene prendersi tutto il tempo necessario prima di rispondere alle domande: pausa, pensiero, e solo dopo risposta. Così facendo, metteremo in mostra una serie di altre capacità cognitive legate alla curiosità, come l'attenzione, la riflessività e il pensiero critico. Concedendoci un momento per raccogliere i pensieri, saremo in grado di dare risposte nel complesso migliori. Questo ci aiuterà a distinguerci, il che è in definitiva il requisito più cruciale in qualsiasi lavoro.

Se vuoi approfondire questi temi, mettiti in contatto con noi (amministrazione@copiaoriginale.it) per chiedere informazioni. Creeremo un percorso adatto alle tue esigenze. soft-skills
Tagged , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *