Quando è giusto dire “sì” e quando è meglio dire “no”

Sembra banale rispondere “sì” o “no” ad una proposta, eppure a molti di noi capita di accettare tutto quello che succede con un “sì” per la paura di non piacere, o per il senso di colpa che si prova nell'anteporre i propri impegni/interessi ai desideri e alle necessità di qualcun altro. Altrettante persone dicono "no" spesso per paura di fallire: “cosa succede se non mi piace? Cosa succede se non sono bravo ?”. Altri dicono "no" semplicemente perché hanno stabilito dei limiti e non hanno lasciato spazio nella loro vita per la spontaneità e la crescita inaspettata.
Non esiste un modo "giusto" per approcciarsi alla vita. Ognuno incontra una serie di vantaggi e limitazioni a seconda che abbia un carattere propenso a dire sempre sì, o più portato a dire no. Ecco quando servirsi di ciascun approccio.

darts_dartboard_target_accuracy_competition_sport_game_achievement-870592.jpg!d

  • "Sì", quando si comincia un nuovo capitolo
    Provare a dire "sì" a tutto può essere utile per le persone che cercano un drastico cambiamento di vita, come coloro che sono nuovi in una comunità o in un settore e stanno cercando di creare una rete di relazioni e conoscenze che al momento non ne hanno. Tuttavia, questa non è una strategia sostenibile nel lungo periodo. Farlo troppo a lungo porterà, paradossalmente a dire no a molto proprio a a causa dei sì che stiamo dicendo. Dire di sì a troppe cose può farci diventare troppo devoti ad un progetto e ansiosi.

  • "Sì", ma attenzione agli obiettivi
    Dire "sì" a tutto può significare passare troppo tempo a fare cose che non ci spingono verso i nostri veri obiettivi. Quando si dice di sì a qualcosa che non è allineato con i propri obiettivi o interessi, si sta implicitamente affermando che gli obiettivi di qualcun altro sono più importanti dei propri. Fare questo troppo spesso rallenta inevitabilmente i nostri progressi e può aggiungere stress alla nostra vita personale. Essere una persona sempre disposta a dire “sì” può causare esaurimento, indebolendo la nostra forza di volontà e creando un ambiente in cui fare buone scelte è molto più difficile.
    Prima di riempire la propria agenda con troppi impegni, è consigliabile concedersi un limite di tempo per rispondere ad un invito o ad una richiesta. Questo può essere di 30 minuti o di 24 ore, a seconda di quanto si è sicuri nel dire "sì" o "no". Durante questo arco di tempo, è bene rispondere a queste domande: se questa opportunità non mi fosse stata data, avrei passato del tempo a crearla da solo? Cosa rende questo "sì" importante per me? Mi entusiasma personalmente o è un desiderio esterno? Se il "sì" è basato su un desiderio esterno, a cosa sto rinunciando per questo "sì"? "Ogni" sì "è un" no "a qualcos'altro", dopotutto.

    football_ball_sports_ground_goal_kick_off_leather_ball_sports_footballers-593201.jpg!d

  • "No", quando la via è chiara
    Essere focalizzati sulle proprie priorità rende più facile dire "no" a cose che distraggono dai propri obiettivi. Le persone che sanno dire “no” capiscono che rifiutare opportunità che non si allineano con le loro priorità e con i loro obiettivi, significa avere più tempo per concentrarsi sulle cose che le porteranno dove vogliono andare.

  • "No", ma attenzione a non bruciare i ponti
    Mentre ridurre le attività che distraggono dai propri obiettivi può aiutare ad avvicinarsi al proprio scopo più velocemente, dire "no" troppo spesso può causare qualche contraccolpo. Le persone possono smettere di offrirci opportunità e chiederci di partecipare agli eventi sociali a causa dei nostri ripetuti rifiuti. Quando si definiscono i confini, si deve essere chiari su ciò che si è e non si è disposti a fare, assicurandosi che le persone abbiano una chiara comprensione di ciò che è più probabile che susciti in noi un "sì", e ciò a cui si dirà sicuramente “no" . Questo evita di ferire sentimenti e significa avere meno probabilità di bruciare ponti. Prima di dire "no" a un invito, è utile rispondere a queste domande:
    Ho paura di qualcosa? Se la paura non fosse un fattore, direi di si? Cosa dovrebbe cambiare in questa proposta per renderlo un "sì"? C'è una piccola modifica che posso apportare per aiutare questa opportunità ad allinearmi meglio con i miei obiettivi e le mie priorità? Le risposte a queste domande possono aiutare a determinare se si sta dicendo "no" per i giusti motivi o semplicemente per abitudine.

Se vuoi approfondire questi temi, mettiti in contatto con noi (amministrazione@copiaoriginale.it) per chiedere informazioni. Creeremo un percorso adatto alle tue esigenze. soft-skills
Tagged , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *