I lati nascosti della professione di manager

Come ogni ruolo lavorativo, anche il lavoro di manager si basa su una serie di regole non dette. In effetti, ci sono alcune cose sul lavoro di un manager che probabilmente suonano nuove e inaspettate a molti. Essere un manager richiede molto di più che assumersi maggiori responsabilità, in realtà è un lavoro completamente nuovo in sé e per sé.
Essere consapevoli di questi cinque punti, può fornirci un piano per risolvere potenziali sfide ancora prima di affrontarle.

446cda2613980ec9a8c234f66da4-1433629.jpg!d

  1. Tempo e attenzione a chi ne ha più bisogno
    Quando si comincia a gestire un gruppo di persone, sarà inevitabile trovarsi ad avere a che fare con persone ad alto rendimento o a basso rendimento. Se non si sta attenti, il rischio è dedicare troppo tempo a questi ultimi. Ecco perché è importante identificare se i loro problemi sono una questione di capacità, abilità o conoscenza e se è qualcosa che possono superare. Se non si pensa che possano cambiare, allora bisogna pensare a lungo e duramente se valga la pena tenerli in squadra. Dopotutto, il tempo che si spende ad aggiustare l'errore di quella persona è tempo che non si spende a sviluppare (e potenziare)altri aspetti. Se invece c’è la possibilità che i membri più “deboli” del team possano migliorare, in tal caso è utile prendersi del tempo per fare coaching offrendo feedback diretti in tempo reale.

  2. Luci della ribalta
    Un manager, è amato o odiato, ma mai ignorato
    . Può essere una situazione imbarazzante, soprattutto perché essere sotto i riflettori significa che le persone ci osservano e formulano opinioni su di noi. Questa non è, però, necessariamente una brutta cosa. Non è necessario cambiare la propria personalità o essere un martire del lavoro. È necessario, tuttavia, riconoscere l'impatto della propria posizione e considerarla un'opportunità per definire la propria cultura e etica del lavoro.

    752f96fbbba1f77d13aabb28bb90-1431185.jpg!d

  3. Spiegazioni
    Il compito del manager è quello di tradurre la strategia nelle azioni quotidiane del proprio team. Capita spesso di trovarsi a ribadire la strategia e gli obiettivi dell’azienda, spiegando la connessione tra i due agli altri colleghi. Il problema sorge quando ci si rende conto che non importa quante volte si sono ripetute le priorità della compagnia, qualcuno nell’azienda ancora non capisce e chiede spiegazioni per la milionesima volta.
    Capita che le persone vengano a sottoporre problemi personali, o domande a cui non si è in grado di rispondere. Come manager, serve avere una conoscenza sufficiente della politica aziendale per rispondere a queste domande ad alto livello, ma se si tratta di qualcosa che va oltre la nostra area di competenza, bisogna assicurarsi di indirizzare le loro domande a qualcuno che conosca la risposta.

  4. Conoscenza
    Quando si diventa punto di riferimento per i reclami, si finirà con il venire a conoscenza di cose che non ci si sarebbe mai aspettati di conoscere. I resoconti di problemi sul posto di lavoro o anche accuse contro qualcuno dei colleghi, reclami su argomenti esterni all’ufficio.
    Non è compito del manager risolvere tutti i problemi dei dipendenti. Potrebbero esserci occasioni in cui è appropriato che ci si occupi in prima persona della situazione, ma altre volte bisogna indirizzarli altrove. La chiave è capire quale situazione richiede quale trattamento. Potrebbe essere necessario utilizzare prove ed errori per ottenere questo approfondimento, ma solo essere consapevoli che qualsiasi azione intraprenda può avere un impatto ampio sull'azienda.

  5. Solitudine
    Talvolta, essere un manager significa tenere per sé le informazioni che nessun altro può conoscere , il che può farci sentire isolati. A volte significa essere in conflitto con altri manager quando si tratta di allocazione delle risorse. E a volte, significa affrontare circostanze che non ci si sarebbe mai aspettati di affrontare. Ma come manager, sappiamo che, a volte, è nell'interesse di tutti mantenere riservate informazioni specifiche. Se si sente l’esigenza di parlarne a qualcuno, è utile provare a trovare un mentore esterno. In questo modo, si può mantenere la propria compostezza al lavoro senza violare i propri obblighi come manager.

Se vuoi approfondire questi temi, mettiti in contatto con noi (amministrazione@copiaoriginale.it) per chiedere informazioni. Creeremo un percorso adatto alle tue esigenze. soft-skills

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *