Non serve abbellire il CV: bastano questi consigli

Non c'è niente di sbagliato nel presentare al meglio le nostre abilità sul curriculum in modo da dare la miglior impressione possibile di noi. Ma c'è differenza tra abbellire e mentire. Per quanto sia naturale voler mentire su un curriculum, è un errore che potrebbe costare caro. Qualora fossimo assunti e successivamente trapelasse la nostra bugia, potremmo facilmente ritrovarci senza lavoro. È molto meglio essere onesti riguardo alle cose che abbiamo fatto e che non abbiamo fatto, così come  sui titoli che abbiamo conseguito o che non abbiamo conquistato, anche se questo significa perdere una o due opportunità lungo la strada. Chi pensa di mentire sul curriculum per compensare il fatto che altrimenti non sia poi così impressionante, dovrebbe sapere che così facendo si rischia di perdere i posti di lavoro per i quali ci si candida e danneggiare la propria reputazione.
Ecco quindi un approccio migliore per rendersi più attraente per i potenziali datori di lavoro.

work_create_build_office_workspace_design_achieve_succeed-868962.jpg!d

  1.  Verbi d’azione
    Il curriculum dovrebbe parlare ai datori di lavoro delle molte cose che abbiamo fatto nella nostra carriera: per questo più “azioni” includiamo, più saremo candidati attraenti.  Bisogna quindi parlare dei vari compiti che abbiamo affrontato nei ruoli precedenti e concentrarsi su termini come "gestito", "creato" e “implementato".

  2. Lettera di presentazione
    Il curriculum dovrebbe idealmente essere solo un'istantanea della nostra storia lavorativa. Se presenta delle lacune che potrebbero impedirci di ottenere il lavoro che desideriamo, la lettera di presentazione è un ottima strada alternativa. Possiamo parlare dei nostri punti di forza, dimostrare che la nostra esperienza soddisfa i requisiti per il ruolo in questione e usare un linguaggio che permetta alla nostra personalità di risplendere.

    bed_blonde_computer_hotel_laptop_macbook_person_room-929008.jpg!d

  3. Evidenziare quello che già c’è
    Quando non possediamo il titolo di lavoro più accattivante si possono utilizzare dati e statistiche per dimostrare che siamo altrettanto capaci di portare a termine il lavoro e di avere una comprovata esperienza di successo. È una scommessa migliore di scrivere un titolo di lavoro che non abbiamo mai effettivamente detenuto.

  4. Personalizzare in base alla situazione
    Adattare un curriculum a un lavoro specifico concentrandosi su alcuni aspetti della nostra carriera non è mentire, a condizione che siano state fatte le cose che affermiamo di aver fatto, e non c'è nulla di male a non includere alcune precedenti responsabilità che non sono rilevanti per il lavoro a portata di mano. Sottolineare le cose che i potenziali datori di lavoro vogliono vedere è un buon modo per attirare la loro attenzione.


Se vuoi approfondire questi temi, mettiti in contatto con noi (amministrazione@copiaoriginale.it) per chiedere informazioni. Creeremo un percorso adatto alle tue esigenze. soft-skills
Tagged , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *