• La Redazione

15 Modi per essere una persona affabile

Tempo di lettura: 3 minuti


Esistono innumerevoli circostanze in cui è necessario essere, o quantomeno apparire, il più affabili possibile, soprattutto in ambito lavorativo, ma anche nella vita privata. Il linguaggio del corpo ci viene come sempre in aiuto per fare una buona impressione.


1. Dare una stretta di mano. È necessario trovare il giusto equilibrio tra forza e dolcezza per garantire una stretta di mano ferma, che susciti rispetto e considerazione ma che non trasmetta un desiderio di dominazione.

2. Sorridere. Dal momento in cui entrate in una stanza con dei colleghi o in un ristorante con il vostro appuntamento, l’importanza di sorridere è fondamentale per dimostrare carisma e positività e per suscitare nel proprio interlocutore la medesima reazione.

3. Ascoltare. È più importante ascoltare di quanto non lo sia parlare o addirittura fornire alle persone con cui interagiamo ciò di cui hanno bisogno. Inoltre, prima di parlare è fondamentale essere attenti e comprendere a pieno ciò che ci stanno dicendo per poi ponderare una risposta consapevole e pertinente.

4. Non lasciatevi condizionare da decisioni affrettate. Non lasciate che una singola impressione negativa o un preconcetto di fondo condizioni totalmente il vostro giudizio. Prendetevi del tempo per elaborare un giudizio.



5. Non ignorare le persone. Così come per il punto precedente, evitate di escludere qualcuno dalla conversazione. Creando un gruppo partecipe, sarà più semplice attirare l’attenzione su di sé.

6. Guardare negli occhi. Così come per l’udito anche l’occhio vuole la sua parte. Guardando negli occhi l’interlocutore esprimiamo competenza e sicurezza oltre a dimostrare attenzione per ciò che sta dicendo.

7. Pronunciare il nome della persona. È una pratica che oltre ad aiutarvi nel ricordare i nomi di chi avete appena conosciuto, trasmette all’interlocutore una sensazione piacevole di riconoscimento.

8. Stare dritti. Sia che siate seduti o in piedi, la postura è fondamentale per trasmettere le giuste sensazioni. Una postura che trasmetta chiusura o indecisione porterà ad un feedback negativo da parte dell’interlocutore. Al contrario un linguaggio del corpo fermo ed eretto manderà un messaggio di competenza e scioltezza, mettendo a proprio agio chi vi sta di fronte.

9. Non utilizzate lo smartphone. Oltre a spostare la vostra attenzione da ciò che vi stanno dicendo, è un’abitudine che causa un’ulteriore interruzione anche per chi sta parlando.

10. Chiedete all’interlocutore di continuare a parlare. Conseguentemente al punto precedente, se qualcuno viene interrotto durante un discorso, pregatelo di continuare, oltre a dimostrare che stavate ascoltando con attenzione, farete sentire la persona in vostra compagnia apprezzata.



11. Dite che vi dispiace. Che siate o meno responsabili di un evento negativo, la comunicazione empatica è efficace per aumentare la fiducia che l’altro ha nei vostri confronti.

12. Adulate. Senza eccedere nei complimenti, l’adulazione è una tecnica utile per raggiungere un rapporto di fiducia e risultare più affabile. Non è necessario ricorrere a frasi smielate, basta trasmettere all’altro la vostra ammirazione o il vostro rispetto per le sue competenze.

13. Cercate di mantenere le promesse. Se l’adulazione non è accompagnata da competenze effettive sarà estremamente difficile trasmettere fiducia. Adoperatevi perciò a portare a termine le vostre promesse.

14. Evitate di lamentarvi. Nessuno tollera facilmente le persone che si lamentano in continuazione.

15. Chiudete la conversazione in modo adeguato. Così come la stretta di mano in apertura, anche la chiusura di una conversazione trasmette molto, poiché deve lasciare un segno nel vostro interlocutore e permettergli di ricordarsi di voi.


Milano, li 5 Dicembre 2017


#obiettivi #abitudini #linguaggiodelcorpo

Logo_ridisegnato.png

Copia Originale 

Foro Buonaparte,22