• La Redazione

4 parole "positive" che possono risultare offensive

Tempo di lettura: 2 minuti


Alcune espressioni sembrano innocue e del tutto innocenti. Ma nel contesto sbagliato, possono risultare offensive e trasmettere messaggi che sono esattamente l'opposto di ciò che intendiamo.

Le seguenti 4 parole comuni possono sembrare positive, ma vengono caricate con una moltitudine di sfumature a seconda del contesto.


A tutto tondo

Questa espressione complimenta le persone i cui talenti brillano in varie discipline come accademici, sportivi e artisti.

Ma quando viene usato per descrivere un atleta, o anche un eminente studioso, l'espressione rafforza implicitamente gli stereotipi. Se devi qualificare "atleta" con "a tutto tondo", l'implicazione è che gli atleti non sono generalmente in grado di eccellere in qualcos'altro. Una tale generalizzazione sminuisce i molti atleti, artisti o studiosi che hanno una seconda carriera notevole, al termine della loro principale occupazione o in concomitanza con questa. Perché un vincitore del premio Nobel in fisica non può anche essere un eccellente tennista?


Assertivo

Usiamo spesso questa parola per amici o colleghi che sono fiduciosi e parlano bene. Tuttavia, ancora troppe persone collegano ancora "assertivo" a qualità non attraenti come aggressività e prepotenza. Quindi meglio scartare questa etichetta e trovare invece alternative per descrivere colleghi e conoscenti. Basterà semplicemente dire che “è una persona sicura e ben informata" o "mi piace la sua volontà nel prendere parola durante le riunioni”.



Idealista

Questo termine elogia coloro che apprezzano le idee e fissano obiettivi nobili per se stessi. Queste sono qualità ammirevoli. Ma la parola può essere peggiorativa quando si vuole intendere che gli "idealisti" non sono interessati al duro lavoro o alla ricerca di percorsi difficili per il successo. Suggerisce che questa categoria di persone non è in contatto con la realtà.

È bene parlare di idealismo, ma bisogna sempre prestare attenzione al contesto specifico, senza mai generalizzare eccessivamente.


Sensibile

Stando al suo valore letterale, questa parola è normalmente una descrizione positiva di qualcuno che ha intelligenza emotiva e usa quella capacità di esprimere i propri sentimenti e interpretare quelli altrui. Ma la parola "sensibile" è stata a lungo usata come un “complimento” arretrato nei confronti delle donne. Viene spesso usato per indicare che è troppo "emotivo" per essere in carica o essere preso sul serio. Inoltre, quando viene applicata agli uomini, la parola gioca contro lo stereotipo di ciò che molti considerano "maschile" ( quell’insieme di qualità come audacia, forza e autorità). "Sensibile" può suggerire automaticamente l’idea di "eccessivamente sensibile", incapace di criticare o scherzare.

È importante riconoscere che, naturalmente, uomini e donne possono e hanno spesso un lato sensibile. Ma quando si vuole esprimere questo tipo di qualità parlando di qualcuno, è meglio essere più specifici, precisando che qualcuno “ è molto bravo a capire le persone” o “è molto premuroso e accorto”.


Milano, li 16 Agosto 2018

#comunicazione

Logo_ridisegnato.png

Copia Originale 

Foro Buonaparte,22