Logo_ridisegnato.png

Copia Originale 

Foro Buonaparte,22

  • La Redazione

Bias cognitivi: 4 metodi per superarli

Aggiornato il: 23 gen 2019

Tempo di lettura: 2 minuti

Cosa sono i bias cognitivi?

I bias cognitivi sono pregiudizi o giudizi che tuttavia non corrispondono necessariamente alla realtà esterna, in quanto sono sviluppati sulla base di percezioni non fondate o non verificate. L’obiettivo principale del nostro cervello è sempre stato – e sempre sarà – quello di risparmiare energia, di conseguenza, nel corso della sua evoluzione dal passato fino ad ora, ha sviluppato un sistema per interpretare i segnali che gli arrivano dal mondo esterno in maniera rapida ed efficiente, soprattutto al fine di proteggersi dai pericoli. Questo sistema al risparmio, tuttavia, non sempre rispecchia l’effettiva realtà e quando succede si parla di bias cognitivo. Un esempio? “Ieri sono stato derubato al supermercato, è impossibile che sia derubato anche oggi.” Non c’è causa ed effetto in questo pensiero, è solo un pregiudizio del nostro cervello bastato su una convinzione infondata ed errata. Perché non dovremmo correre il rischio di essere derubati ancora?



Come fare per superare i bias cognitivi?

I bias cognitivi che ognuno di noi ha sono molti e di varia natura. Ecco alcuni consigli pratici, utili per affrontarli:

  1. Riconoscere i bias. Sembra banale ma il primo passo per superare un bias è riconoscerlo. Il modo migliore, oltre naturalmente ad informarsi, è quindi parlarne con altri per farli emergere. Spesso pensiamo di credere in qualcosa per poi scoprire che inconsciamente non ci crediamo, o perlomeno, non così fermamente.

  2. Confrontarsi. Una volta riconosciuti i propri bias è molto utile confrontarsi e discutere con altre persone per capire da dove derivano e come superarli. Alcuni bias sono legati ad esempio agli stereotipi di genere: vediamo ancora oggi forte disparità tra uomini e donne in merito a certi argomenti, molte di queste disparità derivano da bias inconsci pregressi.

  3. Sviluppare il proprio spirito critico. Uno dei bias più diffusi è quello che viene definito “bias di conferma”, ovvero il rifiuto di un’evidenza che contraddice il proprio punto di vista. Per superare questo e molti altri bias è necessario mettere sempre in discussione il proprio punto di vista e sviluppare un sano spirito critico.

  4. Domandare. Se i bias riguardano i pregiudizi verso altre persone e si basano su concezioni errate o infondate, il modo migliore per superarli è fare domande, ovvero cercare conferma o smentita di quello che pensiamo.

Milano, li 17 Gennaio 2019

#bias #abitudini