• La Redazione

Le più importanti competenze da imparare autonomamente

Tempo di lettura: 3 minuti


Quando si tratta di acquisire quelle competenze importanti per vivere meglio, non possiamo certo risparmiarci fatica, tempo e sforzo: l’impegno più consistente sta però nell’individuare, paradossalmente, in cosa ci conviene davvero impegnarci.


Quali sono quindi le soft skills che è più utile incrementare e migliorare?


1. Dialogo interiore

Quello che ci è sempre stato insegnato da genitori e insegnanti è verissimo: non importa quello che gli altri pensano di noi, ma quello che noi pensiamo di noi stessi. Come costruire, quindi, una solida opinione di se stessi? Avere la capacità di essere sempre onesti e focalizzati sui propri obiettivi deriva dall’abilità di sapersi guardare dentro e parlare con se stessi. Ugualmente un dialogo non costruttivo con noi stessi, non farà altro che sgretolare lentamente la nostra fiducia.


2. Chiedere aiuto

Sapere riconoscere le situazioni in cui abbiamo bisogno di aiuto è più difficile di quanto possiamo immaginare: saper effettivamente chiedere aiuto è quindi qualcosa di difficile da imparare a fare, soprattutto perché nessuno vuole essere percepito come debole o incompetente. Al contrario delle nostre aspettative, però fare le giuste domande ci fa sembrare più intelligenti: chiedere consiglio alle persone ci fa “convalidare” la loro intelligenza o esperienza, il che rende più probabile conquistarne la fiducia.


3. Empatia

L’empatia è la capacità di percepire vividamente i sentimenti che provano gli altri. Essere empatici non significa quindi soltanto saper costruire relazioni interpersonali più profonde, ma è di fondamentale importanza nel determinare la buona riuscita delle vendite e dei servizi che possiamo servire ai nostri potenziali clienti. L’empatia motiva inoltre la coesione in un gruppo e favorisce il lavoro di squadra. Un leader empatico spingerà i suoi collaboratori a fare sempre del proprio meglio: gli impiegati si sentono motivati a fare le cose al massimo delle loro possibilità, perché a motivarli è qualcosa di ben più grande del semplice compenso.


4. Sapere quando tacere

Lamentarsi di ogni cosa che non ci soddisfa non è sicuramente un atteggiamento costruttivo, soprattutto sul luogo di lavoro. A volte è difficile, ma è fondamentale ponderare le parole e sapere quando il silenzio può diventare nostro alleato. Quando siamo arrabbiati, nervosi o infastiditi, tenerci le nostre rimostranze per noi è sicuramente consigliabile: il rischio è infatti quello di dire cose che non si pensano davvero, e di pentirsene poco dopo. <strong>Saper tacere quando si è agitati è una delle più importanti competenze da imparare e, naturalmente, una delle più difficili.



5. Gestione del sonno

Numerosi studi dimostrano che essere costanti con il ritmo di sonno rende non solo costruire una routine regolare, ma aiuterebbe anche a migliorare la qualità del tempo in cui siamo svegli.


6. Gestione del tempo

Una gestione del tempo efficiente è una delle abilità più preziose sul luogo di lavoro. Sebbene non ci sia un unico modo giusto, è importante non solo trovare un metodo che funzioni per noi, ma soprattutto saperlo mantenere. La cosa più difficile da fare per alcuni sarebbe capire come organizzare al meglio le cose da fare, vale a dire il fare una lista dettagliata delle cose da fare e il pianificarla punto per punto, in modo da essere in grado di completare tutti i compiti nella data prevista.


7. Focus

Lo sperimentiamo tutti i giorni (e gli studi lo confermano) che non sempre pensiamo o ci concentriamo esattamente su quello che stiamo facendo. Le persone sarebbero meno felici quando vagano con la testa, qualunque cosa stiano facendo. Per esempio, tutti sperimentiamo quanto sia noioso il tragitto casa-lavoro, eppure sembrerebbe essere percepito come meno spiacevole quando le persone si concentrano a pensare esattamente a quello che stanno facendo (come guidano o la strada che stanno percorrendo): sono in questo modo più soddisfatti rispetto a quando si lasciano distrarre da altri pensieri.


8. Costanza

La gente spesso smette di lavorare duro quando raggiunge posizioni soddisfacenti, senza considerare che per mantenere tali posizioni serve ancora più impegno e duro lavoro: la costanza è vitale per mantenere un qualunque tipo di successo.


Milano, li 4 Maggio 2018

#softskills #lavoro

Logo_ridisegnato.png

Copia Originale 

Foro Buonaparte,22