• Luca Brambilla

Le 10 caratteristiche di un obiettivo

Tempo di lettura: 3 minuti


Si sente sempre più spesso la parola “obiettivo”, che si può scrivere anche “obbiettivo” a seconda che si voglia usare la forma arcaica o quella più moderna. Quello che non si sente spesso sono le caratteristiche che un obiettivo deve avere per portare al successo, e non dentro un gorgo di problemi. Ecco qui allora dieci caratteristiche che, se rispettate, vi permetteranno di sapere se avete scelto un buon obiettivo o meno.


1. Specifico, chiaro, misurabile: serve che l’obiettivo sia ben identificabile. La mente umana non si accende per espressioni vaghe come “voglio far carriera”, “avere successo”, etc. Scegliete un obiettivo che vi possa permettere di dire a un certo punto “si, l’ho raggiunto”.


2. Con una data certa: scegli sempre una data in cui verificare se sia stato realizzato o meno. Non avere una data significa avere un sogno lasciato nell’iperuranio dei nostri pensieri e non un obiettivo. Vi cito questo bellissimo aforisma: “Un obiettivo è un sogno con una data di scadenza”.


3. Espresso in positivo: scrivete il vostro obiettivo in forma positiva, lasciando perdere espressioni depotenzianti come “non voglio più essere…”. L’obiettivo rappresenta qualcosa da raggiungere, che vi darà una grande dose di meritata soddisfazione, e che sia positivo in modo tale che vi dia la carica giusta quando lo ripeterete nella vostra mente.



4. Fattibile: giusto sognare in grande, ma ricordate di scegliere un obiettivo realistico. Se così non fosse, la vostra mente lo reputerà surreale e non vi darà nemmeno l’energia per provarci. Non illudete il vostro cervello credendo a quei venditori di fumo che si vedono sempre più spesso su Facebook e che continuano a ripetere: “diventa il numero uno nel marketing in ventiquattro ore guadagnando dieci milioni di euro all’anno etc”. Non nutrite la vostra mente di stronzate per favore!


5. Intrigante, motivante: scegliete un obiettivo che vi dia la carica; qualcosa che volete veramente realizzare e che vi dia piacere quando arriverete a realizzarlo. Non sprecate tempo a cercare di realizzare un obiettivo come “guadagnare dieci euro in più al mese”, ma imparate a desiderare in grande!


6. Espresso in forma scritta: come dicevano giustamente i saggi latini “verba volant, scripta manent”: le parole passano, le cose scritte rimangono. In questo caso avrete modo di leggere ogni giorno il vostro obiettivo e di focalizzarvi su di esso.


7. In linea con i vostri valori e le vostre credenze: scegliete obiettivi che siano in linea con ciò che reputate vero per evitare contrasti interni e depotenziare così subito l’obiettivo prescelto.



8. Immaginabile: imparate a gustarvi il momento in cui avrete realizzato il vostro desiderio. Quindi visualizzate nella vostra mente come sarete quando avrete raggiunto il tanto desiderato obiettivo, e traete energia da queste immagini. Come disse splendidamente Albert Einstein: “L’immaginazione è più importante della conoscenza”.


9. Condivisibile con gli altri: abituati a raccontare questo obiettivo con le persone che ti circondano in modo tale da ricevere feedback con cui misurarti per poi vagliarli e trovare qualche spunto utile che ti permetta di raggiungerlo prima e meglio. Ti auguro di trovare altre persone con quell’obiettivo in modo tale da fare la strada assieme ti assicuro che è una splendida esperienza!


10. Suddivisibile in tappe: soprattutto se il viaggio verso il tuo obiettivo è lungo, abituati fin da subito a predisporre delle tappe intermedie, di modo da avere diversi momenti in cui verificare come si sta sviluppando il tuo percorso, ed eventualmente apportare le variazioni del caso.


Fonte


Milano, li 15 Giugno 2017

Logo_ridisegnato.png

Copia Originale 

Foro Buonaparte,22