• La Redazione

Return On Future di Alessandro Rimassa

Tempo di lettura: 1 minuto

Sappiamo tutti cosa sia il ROI (return on investment, ossia il ‘’tasso di rendimento sul totale degli investimenti’’), ma sappiamo calcolarlo in maniera diversa da come ci hanno insegnato?

Alessandro Rimassa segnala il ROF, ossia Return On Future e per spiegarne meglio il concetto cita i seguenti esempi di aziende a confronto.


Con l’avvento dei navigatori satellitari il mercato delle cartine, mappe cartacee e Atlanti è stato distrutto, ma una decina di anni dopo, a loro volta, gli stessi navigatori sono stati resi obsoleti dall’avvento di app quali Google Maps.



Apple, perfetto esempio di aziende del ROF, ha fatto una cosa quasi impensabile: quando gli iPod erano ormai diventati un oggetto ampiamente desiderato e acquistato dai consumatori, ha messo sul mercato l’iPhone, nuovo prodotto competitor dell’iPod, anzi addirittura superiore, in quanto aveva le stesse funzionalità del normale iPod in aggiunta a quelle di un telefono cellulare.

Continuando a pubblicizzare e vendere iPod, la multinazionale avrebbe continuato a fare soldi ottenendo un ottimo ROI.

Decidendo di competere con se stessa e contro i suoi stessi prodotti ha invece deciso di puntare sul ROF, un’idea straordinaria, che le ha permesso di costruire un business totalmente nuovo.


In sintesi, per far si che avvenga questo passaggio da ROI a ROF cosa bisogna fare? Occorre creare valore prima per le persone, i clienti, che per l’azienda.

Mettendo le persone al centro si crea valore che tornerà poi a noi, creando un futuro per le nostre aziende.


Milano, li 25 Febbraio 2019

Logo_ridisegnato.png

Copia Originale 

Foro Buonaparte,22