Sapete praticare la meditazione? Una linea guida per cominciare

È una pratica molto in voga tra le personalità di successo della nostra epoca, proprio perché esistono delle ricerche a riguardo che ne hanno dimostrato l’utilità per il benessere della propria mente e, conseguentemente, del proprio corpo. È un’abitudine che va imparata attraverso la pratica e che può risultare molto semplice.

Come si medita?

  1. Innanzitutto esistono diverse forme di meditazione la cui origine comune va ricercata nella tradizione buddista o indù: dalla meditazione trascendentale il cui perno è costituito dalla continua ripetizione di un mantra alla meditazione cosiddetta “Zazen” basata sulla respirazione. Sarebbe meglio valutare quale adottare con il consiglio di un esperto in materia, che vi illustrerebbe i benefici e le modalità in base alla vostra conoscenza.
  2. È bene fare pratica di meditazione come se fosse un’attività fisica, quindi evitare di cimentarvi immediatamente in uno sforzo di meditazione estremo e procedere invece per piccoli passi, stabilendo un programma adeguato.meditazione
  3. La meditazione non libera completamente la mente ma permette di controllare meglio il pensiero. Ogni giorno siamo bombardati da numerose informazioni e nella nostra mente si formano costantemente nuovi pensieri, i quali, sommati agli altri già presenti, rischiano di creare confusione. La meditazione ha il fine di aiutarci a focalizzarci sui pensieri importanti lasciando perdere quelli inutili.
  4. Bisogna trovare la propria posizione per meditare. È sbagliato pensare di meditare imitando qualcun altro in ogni aspetto, l’importante è trovare una postura comoda, mantenendo il più possibile collo e schiena dritti per permettere una buona respirazione.
  5. La respirazione, benché non sia il punto focale di alcuni tipi di meditazione è in ogni caso fondamentale per agevolarne la riuscita.
Tagged , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *