Non tutte le tecniche di apprendimento sono giuste

Le false credenze sull'insegnamento e sull'apprendimento sono un problema che portiamo con noi per tutta la vita dal momento che impariamo sempre e costantemente. Sfortunatamente, c'è un divario tra la saggezza popolare e i fatti quando si tratta del processo di apprendimento: ci sono così tanti miti che molte persone non pensano al modo migliore per acquisire nuove conoscenze e abilità. Ecco cinque equivoci e perché dovremmo smettere di crederci: computer_pc_workplace_home_office_desktop_computer_startup_technology_work-824719.jpg!d
  1.  Focalizzarsi su una cosa alla volta. Quando si tratta di imparare un argomento difficile, le persone spesso credono che ci si debba concentrare su una cosa alla volta. Mescolare, tuttavia, è un approccio migliore, così facendo sarà più facile scorgere il file rouge di quello che stiamo imparando: spostando i dettagli avremo una percezione più ampia e migliore del significato di cosa stiamo facendo.
  2. Stili di apprendimento diversi. Apprendimento visivo, uditivo e cinestetico sono concetti abbastanza comuni e famosi. Come molti miti, c'è un po 'di verità dietro, ma non ci sono ricerche per supportare l’esistenza di stili di apprendimento. È invece ben più sensato cercare di abbinare i contenuti al metodo di studio: per esempio per imparare la musica, serve effettivamente ascoltare musica, così come si impara una lingua parlandola.
  3. Più tempo si studia, più si impara. La maggior parte di noi guida ogni giorno, ma questo non significa che siamo migliorati nella guida. Ciò che funziona, invece, non è solo il tempo: sono fondamentali anche consigli e suggerimenti. Non bisogna limitarsi a chiedere ad un amico feedback, ci deve essere una sorta contratto sociale in cui l'altra persona deve darti qualcosa. Ecco perché assumere degli allenatori o dei tutor è così vantaggioso per l'apprendimento.library_books_knowledge_information_bookshelves_bookshelf_data_college-831628.jpg!d
  4.  Rileggere. Prima di entrare in un incontro importante, si può rinfrescare la memoria esaminando le appunti e note, ma questo approccio passivo all'apprendimento non serve a molto. Ciò che funziona meglio è una forma attiva di apprendimento. Le ricerche dimostrano che interrogarsi è un ottimo modo per imparare. Dopo la fine di un paragrafo importante chiedersi “che cosa sta cercando di dire l'autore?' 'In che modo è diverso da quello che ho letto?' 'In che modo questo si collega ad altro materiale che conosco?'
  5. La prima risposta è spesso quella giusta. A scuola, a molti di noi è stato insegnato che la prima risposta che viene da dare in un test, potrebbe essere quella giusta. In realtà, abbiamo davvero bisogno di tempo per riflettere e capire qualcosa. Per risolvere problemi e inventare idee, servono analogie e sistemi per capire come le cose si relazionano tra loro. Questa connessione richiede tempo. Uno studio ha rilevato che gli insegnanti che fanno pause da tre a cinque secondi quando spiegano le idee hanno studenti che imparano molto di più. Il cervello ha bisogno di tempo per sistemarsi.
  Se vuoi approfondire questi temi, mettiti in contatto con noi (amministrazione@copiaoriginale.it) per chiedere informazioni. Creeremo un percorso adatto alle tue esigenze.soft-skills
Tagged , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *